Jacked potatoes

ingredienti per 2 persone:

  • 2 patate dalla buccia sottile di simili dimensioni
  • 1 mazzetto di asparagi bianchi
  • mezza cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • mezzo bicchiere di panna acida
  • olio e sale

tempo di preparazione: 1 ora

Lavate bene la buccia delle patate spazzolandola sotto l’acqua fredda, massaggiatele con l’olio e il sale. Bucatele con una forchetta su tutti i lati e infornatele a 200° gradi per circa un’ora. Nel frattempo preparate il ripieno. Scaldate in una casseruola l’olio, la mezza cipolla e lo spicchio d’aglio. Quando il soffritto sarà ben rosolato aggiungete gli asparagi puliti e tagliati a rondelle; fateli saltare a fuoco medio-alto per qualche minuto e poi aggiungete il mezzo bicchiere di vino bianco. Cuocete gli asparagi un quarto d’ora coprendo la pentola con il coperchio: se si dovesse consumare tutto il vino aggiungete poca acqua alla volta fino al completamento della cottura. Lasciateli raffreddare in una terrina e quando avranno perso la maggior parte del calore aggiungete il mezzo bicchiere di panna acida: se serve regolate di olio e sale. Quando anche le patate saranno cotte, tagliatele a metà ed adagiateci il ripieno di asparagi. Noi vi consigliamo di servirle con un’insalatina di rape rosse!! Buon appetito!

Fish and chips

ingredienti per 2 persone (3 fiori di zucchina a testa):

  • 12 gamberetti
  • 1 mazzo di finocchietto
  • qualche foglia di menta
  • mezzo limone biologico
  • 6 grandi fiori di zucchina
  • 8 piccole patate
  • 4 cucchiai di farina
  • acqua gasata
  • abbondante olio per friggere
  • sale e olio d’oliva extravergine

tempo di preparazione: 4 ore per la marinatura + 30 minuti

Sgusciate i gamberi e metteteli a marinare in frigorifero con largo anticipo (c.a. 4 ore) assieme all’olio d’oliva, il succo di mezzo limone, le foglie di menta e una parte del finocchietto. Riempite una casseruola di diametro piccolo con abbondante olio per friggere  (5/6 dita) e lasciate che si scaldi; nel frattempo preparate la pastella. In una terrina aggiungete alla farina l’acqua frizzante, poca alla volta, mescolando con cura per evitare che faccia i grumi. Aggiungete anche mezzo cucchiaino di sale, la scorza del mezzo limone grattugiata e l’altra parte del finocchietto. Fate attenzione: la pastella non deve essere troppo liquida in modo che aderisca bene ai fiori di zucchina! Pelate quindi le patate, lavatele e tagliatele sottili a rondelle. Impilatele raggruppandole per dimensione e infilzatele con uno stecchino: andranno infatti fritte così “a torretta”! Lavate e asciugate bene i fiori di zucchina, togliete il pistillo, inseriteci dentro 2 gamberi per fiore e richiudeteli a caramella. Iniziate con il friggere le patate fino a quando non saranno ben dorate, scolatele dall’olio e asciugate quello in eccesso con della carta assorbente. Passate i fiori ripieni nella pastella e friggete anche questi. Impiattate rimuovendo lo stecchino dalle patate e posiziondo sopra ad ogni torretta i gamberi. Buon appetito!

Oh my blog!

http://lortodimichelle.blogspot.it/

Per restare in tema… Colori, moods, sfilate, cibo! Ecco a voi l’orto di Michelle.

LAMBurger

ingredienti per 2 hamburger:

  • 2 hamburger di agnello da 200 g l’uno
  • 2 panini
  • 30 g di burro
  • 1 pomodoro tagliato a fette sottili
  • 2 spicchi d’aglio in camicia
  • 1 cucchiaino di scorza di limone grattuggiata
  • 1 cucchiaino di cumino
  • 1 cucchiaino di paprica dolce
  • 1 cucchiaio di olio d’oliva
  • sale e pepe
  • un pugno di germogli di soia

per la salsa allo yogurt:

  • 100 g di yogurt greco
  • 1 cucchiaio di menta fresca
  • 1 cucchiaino di olio
  • 1 cucchiaino di miele
  • 1\2 cucchiaino di cumino

tempo di preparazione: 25 minuti + 10 minuti di cottura

Tostate i semi di cumino e utilizzatene un cucchiaino soltanto per marinare gli hamburger assieme al sale, al pepe e alla paprica per circa una ventina di minuti. Nel frattempo tostate il pane e preparate la salsa mescolando tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo. In una padella scaldate l’olio con il burro, le scorze di limone e l’aglio in camicia appena schiacciato. L’unire l’olio al burro serve per far alzare il punto di fumo cosicchè il burro non bruci e tenga il calore. Procedete quindi con la cottura degli hamburger nel soffritto per 5-10 minuti. Assemblate i panini sovrapponendo il pomodoro a fette, l’agnello e la salsa allo yogurt. Vi consigliamo di servirli accompagnati da un’insalatina di germogli di soia. Buon appetito!!!

…e fioriscono i tartufi!

ingredienti per tartufi (ne vengono c.a. 40 per variante):

TARTUFI AL BERGAMOTTO (copertura con cioccolato fondente)

  • 300 g di cioccolato fondente
  • 300 g di panna
  • 4 cucchiai di the al bergamotto (earl gray)

TARTUFI AL GELSOMINO (copertura con cioccolato bianco)

  • 300 g di cioccolato al latte
  • 100 g di cioccolato fondente
  • 200 g di panna
  • 40 g di burro
  • 2 cucchiai di fiori di gelsomino essicati (li potete trovare in qualsiasi erboristeria)

TARTUFI ALLA LAVANDA (nei pirottini)

  • 350 g di cioccolato bianco
  • 250 g di panna
  • 150 g di burro
  • 2 cucchiai di fiori di lavanda essicati

tempo di preparazione: 45 minuti + 5 ore di riposo

Vi spiegheremo innanzi tutto il procedimento comune a tutte e tre le tipologie di tartufi, andando poi a differenziare le tre coperture che abbiamo realizzato.

Fate scaldare la panna sul fuoco fino a farle raggiungere il bollore. Quindi spegnete la fiamma e mettete in infusione il the/i fiori per 10/15 minuti. Filtrate poi la panna eliminando i residui di gelsomino, lavanda o bergamotto e fatele riprendere il bollore. Togliete la pentola dal fuoco e immergetevi il cioccolato che avrete precedentemente tritato molto molto finemente (forse è proprio questa la parte più impegnativa della ricetta!). Mescolate il tutto soltanto dopo aver aspettato qualche minuto: eviterete così che, mescolando, si disperda il calore prezioso per lo scioglimento della cioccolata. Inserite il composto in una sac a poche usa e getta, sigillatela e riponetela in frigo per 4/5 ore. L’obiettivo è quello di far solidificare l’impasto cosicché sia semplice lavorarlo con le mani: potrebbe essere che il cioccolato bianco dia dei problemi… mettetelo quindi in freezer! Raggiunta la consistenza appropriata, create manualmente delle palline del diametro di circa 3 cm.

Passiamo quindi alla copertura. Quelli alla lavanda (nei pirottini colorati) li abbiamo passati direttamente nel cacao. Per quelli al bergamotto invece abbiamo creato un guscio di cioccolata utilizzando altri

  • 200 g di cioccolata fondente;

mentre per quelli al gelsomino abbiamo utilizzato altri

  • 200 g di cioccolata bianca.

Tritate finemente anche questa cioccolata e fatela sciogliere nel microonde procedendo di 10 secondi in 10 secondi evitando così che, superando alte temperature, perda il temperaggio, ovvero perda lucentezza e diventi opaca dopo il raffreddamento. Immergetevi quindi le palline precedentemente lavorate e passatele, dopo che si è solidificata, nel cacao amaro. Il pregio della copertura è che evita che i cioccolatini si sfaldino rendendoli così trasportabili e conservabili anche a temperatura ambiente.

Il temperaggio in pasticceria è un argomento molto molto delicato. Oltre che il metodo del microonde, si può ricorrere alla misurazione con un termometro per alimenti della temperatura del cioccolato. In quest’ultimo caso si perde il temperaggio se si superano i 32° C per il cioccolato fondente e i 29° C per il cioccolato bianco.

Buon appetito!